SANTUARIO "BEATA VERGINE DELLA COMUNA"


Via Comuna Santuario, 22  46035 OSTIGLIA MN
Tel. 0386/802933  E-mail: fraticomuna@gmail.com

Home Storia Arte Orari Pellegrinaggi Luogo Links
HOME
Pace e bene! Benvenuti!

Questo è il sito del

Santuario "Beata Vergine della Comuna"

Ostiglia
Diocesi e Provincia di Mantova


(cliccate sulla foto per la VISITA VIRTUALE)




PREGHIERA MARIANA

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire














Telemantova
"TRA CIELO E TERRA"
del 10 febbraio 2019









ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE E DI PREGHIERA
(Catechesi francescane mp3)
 Ammonizioni 
Anno della fede:
Gesù Cristo porta della fede
Lo Spirito Santo,
fonte della Santità




Pellegrinaggio a Lourdes






Da LA CITTADELLA del 6 maggio 2018



















Dal 1993 il Santuario mariano è divenuto la sede della terza fondazione dei "Fratelli di San Francesco".

La piccola abitazione del Rettore, unita architettonicamente con l’edificazione di un piccolo chiostro ad un rustico preesistente opportunamente ristrutturato, è stata trasformata in convento.

La fraternità che attualmente vi risiede si dedica in modo particolare alla cura pastorale dei pellegrini, soprattutto attraverso il ministero della Riconciliazione sacramentale.



Quando l'abito spalanca le porte del cuore
(Da LA CITTADELLA del  16.12.2016)







Giovedì 25 maggio 2017 alle ore 16.10
è spirato
il primo Ministro Generale della Pia Unione Fratelli di San Francesco

Fra Alvaro Maria 

da Casalpusterlengo 

(Angelo Merli, nato a Casalpusterlengo il 2 luglio 1925)







BUON ANNO!





Madòna dla Comȕna
(di O. Fiorini)

Agh n’éra mia d’insegni
gh’éra sul erba
erba e aqua ‘d fòs
gh’éra gnanca la strada
sul an sentér stricà d’arvédar
e dai murar
giȕst par șgrafgnar
li gambi tendri
e al temp in mès a li fȕmani
cha tremaa
al galégiaa sȕi tet
suta an cel ad lȕcidi stèli
‘d pianȕra…
Gh’éra ninsȕna mișȕra
di pas
cha verșéa sȕ la porta
dla natȕra
e al mund grand cume al mar
l’era tȕt da girar
déntar al scȕr.
fin quand na lȕna nὂa
sȕ ogni fiur
la daa culur al temp
e la mișȕra.
Incὂ gh’è na strada ‘sfaltada
cha cur
dal sentér gnanca l’aria
gnach l’idèa da ch’april
da spiuftina
Na curiéra strumbasa
l’è piéna
e mi an vedi pȕtina
col sistlìn dla merenda
ben strich
lì, davanti a l’altàr
a guardar tra li spéri dal sul
i baglior
cha fa l’òr
e baȕcar so gnanch mi
col mé cὂr
tra timur
e paȕra.


Madonna della Comuna

Non c’era segnaletica/c’era solo erba/erba e acqua di fosso/
non c’era neanche la strada/solo un sentiero stretto dai rovi /
e dai gelsi/che ti graffiavano /le gambe tenere/
e il tempo immerso nelle nebbie/
tremanti/galleggiava sui tetti/sotto un cielo di lucide stelle/di pianura/
non c’era nessuna misura/dei passi/
che si aprivano sulla porta /della natura/
e il mondo grande come il mare/era tutto da scoprire/nel buio/
fino a che una luna nuova/su ogni fiore/dava il colore al tempo/e la misura./
Oggi c’è una strada asfaltata/che corre/il sentiero è svanito/
nemmeno l’idea/di quell’aprile/ di pioggerellina leggera//
una corriera strombazza/è piena di gente/
e mi vedo bambina/col cestino della merenda/ben stretto/lì, davanti all’altare/
a guardare tra le lame del sole/i bagliori dell’oro/
e a biascicare non so cosa/col mio cuore/tra il timore/e la paura.


20 aprile 1997  






Santuario

Frati

Linkedin

Instagram

Twitter